Castello di Gorizia Castello di Gorizia

< INDIETRO

Castello di Gorizia

Il Castello risale al secolo XI, ma fu ampliato successivamente dai conti di Gorizia, il cui dominio, arrivò a comprendere un territorio esteso dal Tirolo all’Istria.

In seguito ad alterne vicende militari e familiari, nel 1500, alla morte dell’ultimo conte Leonardo, il feudo passò all’imperatore Massimiliano I, diventando di fatto parte dell’impero asburgico. Nonostante le nuove opere di fortificazione, il maniero fu preso e occupato per un breve periodo, tra il 1508 e il 1509, dalle milizie veneziane. Adibito a caserma e a carcere, nel XVII secolo perse gran parte dell’aspetto medievale, con la costruzione dei bastioni e delle torri polveriere a nord e nord – ovest. Agli inizi del Settecento fu eretto un nuovo bastione e alzato il lungo muraglione verso la Castagnevizza. Ulteriori opere difensive furono realizzate successivamente sotto la direzione del celebre ingegnere, astronomo e matematico Edmondo Halley, scopritore dell’omonima cometa.

In gran parte distrutto durante la prima guerra mondiale fu completamente ricostruito e oggi si presenta come un vero e proprio museo del Medioevo goriziano, con le sale arredate, la collezione di armi e l’esposizione permanente Theatrum Instrumentorum, interamente dedicata agli strumenti musicali in uso in Europa tra basso medioevo e primo periodo barocco.

Al piano superiore, oltre a un panorama mozzafiato, che si può ammirare percorrendo il Cammino di Ronda, si trova  la Sala del Medioevo Goriziano, dove, con plastici e sistemi multimediali, è narrata la storia dell’Antica Contea di Gorizia.

 

Orari
Da martedì a domenica dalle ore 10.00 alle 19.00
Lunedì dalle 9.30 alle ore 11.30
Chiusura cassa: sempre mezz'ora prima della chiusura del castello

Biglietto d'ingresso
intero 3,00 euro;
ridotto 1,50 euro (ragazzi dai 6-24 anni, gruppi di almeno 10 persone, adulti oltre 65 anni);
scolaresche 1,00 euro.
Gratis con FVG Card