M.Fabiani - Sacro Cuore M.Fabiani - Sacro Cuore

< INDIETRO

M.Fabiani - Sacro Cuore

La Chiesa del Sacro Cuore è un edificio che ha avuto più padri progettuali a causa della poca chiarezza della committenza e della mancanza di fondi e contributi per la costruzione.

Max Fabiani (Cobidil San Gregorio 1865 - Gorizia 1962)

Max Fabiani nasce nei pressi di San Daniele del Friuli nel 1865. I suoi studi spaziano da Lubiana a Vienna, dove si laurea in Architettura nel 1892. Dopo la Grande Guerra viene chiamato a Gorizia per occuparsi del piano di ricostruzione della città. In questa esperienza, Fabiani si occupa di numerosi interventi e nuove realizzazioni, tra cui la progettazione della Chiesa del Sacro Cuore realizzata nel giugno del 1938. Avendo avuto diversi padri progettuali, la chiesa vede come primo contributo il progetto di Antonio Lasciac risalente 1891. A conclusione di una storia articolata e ricca di avvenimenti, nel 1934 Max Fabiani si occupa del quarto e ultimo progetto e la chiesa viene ufficialmente consacrata nel 1937. La facciata si articola dentro linee compositive orizzontali e verticali interrotte dalla rotondità delle finestre centrali nelle quali risalta la composizione ortogonale della maglia che già caratterizza l'insieme architettonico. Sempre in facciata, i tre salienti sono localizzati in corrispondenza delle tre navate e delle corrispettive entrate e vengono incorniciati da possenti contrafforti marmorei. Il contrasto del mattone col marmo spezza il rigore geometrico della facciata al fine di portare leggerezza alla visione d'insieme. Tale linguaggio è riconoscibile anche in altre opere che hanno visto l'intervento di Max Fabiani, tra cui la Chiesa parrocchiale di Šempeter e la Chiesa di San Lorenzo.