Cimitero di Merna Cimitero di Merna

< INDIETRO

Cimitero di Merna

One of the new border crossings was created close to the civilian cemetery of Miren and, as in the case of the barn in Via del Rafut, it became a symbol of the artificial creation of the border after 1947.

Uno dei nuovi confini venne costruito a ridosso del cimitero civile di Merna, e come nel caso della casa separata dalla stalla di Via del Rafut, è uno dei simboli della creazione artificiosa del confine dopo il 1947, una divisione fatta a volte senza valutare in maniera approfondita le possibili conseguenze a livello sociale. 

Il cimitero infatti venne diviso in due da una rete metallica, che ne attribuiva la propietà per metà alla Jugoslavia e per metà all'Italia. Solo in seguito, grazie ad un accordo fra i due Stati, il campo santo passò interamente alla Jugoslavia e la linea di confine venne spostata a ridosso del muro perimetrale.
Oggi la rete non esiste, ma sono ancor visibili ed identificabili i vari cippi confinari di colore bianco che evidenziano la linea di confine.