I BORBONE DI FRANCIA in esilio a Gorizia

PERCORSO A PIEDI

Nel 1830 in seguito all’abdicazione di Carlo X e di suo figlio, Luigi Antonio duca d'Angoulême, i Borbone lasciarono per sempre la Francia e il trono su cui avevano regnato per oltre due secoli.

La strada dell’esilio, dopo aver toccato la Scozia e la Boemia, nel 1836 portò la famiglia reale a Gorizia, allora compresa nella regione del Litorale austriaco. Con la piccola città sulla riva dell’Isonzo, che accolse con affetto e simpatia i prestigiosi ospiti, si instaurò subito un legame profondo, consolidato dalla scelta di Carlo X e dei suoi discendenti di destinare il monastero francescano della Castagnevizza, ora in territorio sloveno, a sede delle sepolture di famiglia.

LUNGHEZZA: 3.44 km