Ettore Ritter

< INDIETRO

Ettore Ritter

Ho portato la mia visione globale all’interno della Camera di Commercio di Gorizia, di cui sono stato il primo Presidente: i settori economici che rappresentiamo sono interdipendenti e le vie di comunicazione sono potenti mezzi per incrementare la velocità di circolazione delle merci e del capitale.

Caro visitatore, provengo da una famiglia di importanti imprenditori isontini di origini tedesche, da cui ho ereditato uno spiccato talento commerciale. Mi si attribuisce l’attivazione di diverse attività nel goriziano, come la costruzione del magazzino per le granaglie in alcuni terreni di Straccis, la costruzione del filatoio e tessitoio Ritter – Rittmeyer, la produzione della cartiera di Podgora (Piedimonte) che acquistai dagli Ascoli e l’acquisizione di una azienda agricola a Monastero di Aquileia. Sono stato il primo Presidente della Camera di Commercio di Gorizia, istituita nel 1850 con sovrana risoluzione. Al suo interno ho portato la mia visione globale: i settori economici che rappresentiamo sono interdipendenti e le vie di comunicazione sono potenti mezzi per incrementare la velocità di circolazione delle merci e del capitale. Per i miei meriti Francesco Giuseppe mi ha nominato cavaliere, barone (1866) e membro a vita della Camera dei Signori.