Piazza Cavour Piazza Cavour

< INDIETRO

Piazza Cavour

Scendendo dal castello lungo il viale D’Annunzio ci si imbatte in Piazza Cavour, delimitata dalla lineare facciata del Palazzo degli Stati Provinciali, che ora ospita la Questura.

Edificato nel 1200 ed ampliato nel 1500, il palazzo fu la sede dei "padri della patria goriziana", l'assemblea, di cui facevano parte rappresentanti della nobiltà, del clero e della contea, che amministrò per sei secoli la città e il suo territorio. Sulla piazza si affacciano altri antichi palazzi: la cinquecentesca casa del Magistrato civico, con il caratteristico sporto ai piani superiori, dimora del Gastaldo; la Casa degli Ungrispach, una delle più antiche della città, in stile tardo gotico, sulla cui facciata spicca una targa con la data MCCCCXLI; le antiche case all'imbocco di via Rastello.

Non passano inosservate in piazza Cavour le panchine di forma ovale. Su una di esse è incisa la frase “En attendant mon amour”. Un romantico omaggio a tutti coloro che si sono innamorati (e si innamoreranno) a Gorizia. O di Gorizia.